Accesso rapido:

 

Il Piemonte scommette su GAL PMI, ingente progetto di ricerca finanziato dalla Regione

2007-07-16

Disponibili 6 milioni di euro per le applicazioni Galileo.

Il Piemonte, da sempre sistema territoriale di eccellenza internazionale per la ricerca e lÂ’innovazione, lancia la propria sfida e scommette sulle applicazioni tecnologiche innovative legate al sistema di navigazione satellitare europeo Galileo, investendo su GAL-PMI, ingente progetto di ricerca finanziato dalla Regione.
 
Il progetto GAL-PMI (acronimo di Anticipando GALileo: Prodotti e servizi a supporto della Mobilità e della sIcurezza) del valore totale di 6 milioni di euro è finanziato nell’ambito della misura 3.4 ”Interventi multiassiali di supporto all’attività economica” - DOCUP 2000/2006, La finalità del progetto consiste nello sviluppo di soluzioni prototipali negli ambiti di futura applicazione del segnale Galileo, tecnologia che avrà un grande impatto sull’intera mobilità europea.
 
Il Consorzio GAL-PMI è il soggetto giuridico pubblico privato che presiederà la realizzazione del progetto. Fondazione Torino Wireless, Politecnico di Torino, Istituto Superiore Mario Boella, 5T e Consorzio Torino Time sono i soci pubblici fondatori, cui recentemente si sono aggiunti il Centro Ricerche Fiat e Telecom Italia in qualità di soci privati, selezionati attraverso una apposita manifestazione pubblica di interesse.
A seguito di un ulteriore avviso pubblico, si sono aggiunti altri 8 soci privati, fra cui 2 Raggruppamenti Temporanei di Impresa, per un totale di 11 PMI, a fronte di 24 proposte presentate da parte di 34 imprese.
Le PMI che hanno superato la selezione, e che avranno a disposizione per le rispettive attività un budget complessivo di 1,2 milioni di euro, sono: BPG, Citec Voice, Da Sistemi, Erplan, Regola, Ribes Informatica, Ribes Tecnologie, Saet , Sepa, Synarea Consultants  e While1.
 
L’elemento che contraddistinguerà i risultati del progetto saranno le innovative soluzioni prototipali che, a chiusura delle attività, prevista per aprile 2008, rappresenteranno nuovi servizi o tecnologie potenzialmente ingegnerizzabili e commercializzabili sul mercato.
Sistemi per la gestione degli accessi ai centri urbani, regolati e controllati automaticamente via satellite Galileo con una sicurezza e precisione che il sistema GPS oggi non è in grado di garantire, il supporto a turisti alpinisti attraverso terminali utente come palmari o smartphone, in grado di fornire sicurezza anche in ambiti non coperti dalla telefonia tradizionale ed il supporto alle squadre eventualmente impegnate in operazioni di soccorso sono solo alcuni esempi delle soluzioni che verranno sviluppate.
 
L’importanza del progetto GAL-PMI è ulteriormente avvalorata e sottolineata anche dalle iniziative dell’Unione Europea, fortemente attiva nel promuovere questo particolare ambito di applicazione che, secondo le previsioni, avrà notevoli ricadute sociali e di business sia sul territorio piemontese sia su quello nazionale.
 
In questo scenario promettente, il consorzio rappresenta un valido strumento operativo per integrare efficacemente le capacità di tanti e diversi attori presenti sul territorio, un modus operandi indispensabile al fine di rendere complementari le competenze pubbliche e private e che si inserisce perfettamente nel quadro dei meccanismi di allocazione mirata dei fondi regionali.
 
Da tempo la Regione Piemonte opera in un contesto di grande attenzione per l’infomobilità e la navigazione satellitare della futura costellazione Galileo”, ha dichiarato Andrea Bairati, Assessore Regionale alla Ricerca e alle Politiche per l'Innovazione e l'Internazionalizzazione  “Questo progetto, per il quale nutriamo grandi aspettative per lo sviluppo territoriale, rientra nel lavoro di integrazione e di indirizzo previsto dal Comitato Promotore Programma Galileo e dal costituendo Comitato Promotore Infomobilità, nell’ambito dei quali si inscrivono le recenti iniziative intraprese dal Piemonte a livello internazionale, come la candidatura ad ospitare la conferenza sulla navigazione satellitare a livello europeo, in programma nel 2009, tenutasi quest’anno a Ginevra, e soprattutto la candidatura della Regione a “Centro per l’Infomobilità Galileo” che consentirà al territorio di ricoprire un ruolo di primo piano nell’ambito di progetti Europei pertinenti al tema”.
 
“Attraverso questo progetto intendiamo individuare soluzioni e tecnologie innovative potenzialmente ingegnerizzabili nel breve periodo, che siano in grado di garantire un apporto di valore commerciale al territorio, in parallelo alla crescita nel settore della navigazione satellitare, in particolare di Galileo, legata al trasferimento ed alla integrazione fra piccole e grandi imprese, centri di ricerca ed atenei”, ha affermato Marco Mezzalama, Presidente del Consorzio GAL PMI e Docente del Politecnico di Torino.

Download

Riferimenti e contatti

Ufficio Stampa

Persona di riferimento: Chiara Cavanna

Indirizzo: via Francesco Morosini, 19 - 10128 Torino

Telefono: +39 011 1950 1420

Fax: +39 011 509 7323

e-Mail: chiara.cavanna@torinowireless.it

News & Eventi

16Luglio

Corporate Meeting New Members

44° edizione del Corporate Meeting: le imprese che hanno...

08Luglio

Servizi ad alta tecnologia per le imprese

In vista del prossimo bando regionale “V-IR - Voucher ...

Last tweets