Accesso rapido:

 

Grande successo per SMILE, il Master Plan di Torino Smart City

Nel 2014 spazio alle 45 idee e avanti tutta con il coinvolgimento dei cittadini

News pubblicata il 16/12/2013

Si è svolto lo scorso 13 dicembre la presentazione del Masterplan di Torino Smart City, organizzata da Città di Torino e Fondazione Torino Smart City. Presenti i 350 partecipanti ai gruppi di lavoro che - coordinati dalla Fondazione Torino Wireless - per cinque mesi nel corso del 2013 hanno dato vita al progetto SMILE in rappresentanza di 66 istituzioni. La Città di Torino in primis con più di 70 persone coinvolte e poi: Provincia, Regione e Camera di commercio, enti strumentali nel comparto ICT, Politecnico di Torino, Università ed enti di ricerca privati, imprese e associazioni di categoria, multiutility ed enti che supportano le politiche pubbliche e la pianificazione strategica.



«Torino Smart City esalta la collaborazione tra le imprese e il mondo della ricerca, che rappresenta il core business di Torino Wireless. – afferma Rodolfo Zich, presidente della Fondazione Torino Wireless – Abbiamo accettato con entusiasmo la sfida di coordinare i lavori del masterplan Smile, certi della risposta che il territorio avrebbe dato. La partecipazione è stata straordinaria e in soli cinque mesi siamo riusciti a completare il piano. Ora le idee vanno trasformate in progetti concreti, e per farlo bisognerà costruire processi strutturati e solidi, in grado di attirare risorse anche in campo internazionale».

Smile (dall'acronimo di Smart Mobility, Inclusion, Life&Health, Energy) è la maniera con cui Torino ha voluto disegnare, oltre ogni facile retorica sulle smart cities, il percorso per la trasformazione della città: una mobilità efficiente e poco inquinante, un uso dell'energia razionale e da fonti rinnovabili, un welfare amichevole aperto ai bisogni e alla salute delle persone, anche con l'ausilio delle nuove tecnologie, una qualità della vita più alta e attrattiva di turisti e investimenti e una pubblica amministrazione sempre più efficiente grazie ai servizi digitali.

Delle 45 idee proposte, alcune sono progetti già avviati dalla Città, altre sono prioritarie (in totale 17 che saranno presto messe in opera), altre ancora guardano alle risorse del Programma europeo Horizon 2020, i cui primi bandi sono usciti l'11 dicembre, e al coinvolgimento di nuovi attori che potranno entrare a far parte di questo percorso ed attivare risorse pubbliche e private.

Il Sindaco Fassino e l'Assessore Lavolta hanno sottolineato come l'idea di Comunità SMART acquisti ora più concretezza e prospettiva proprio grazie al lavoro di tante persone che, in rappresentanza delle migliori energie del territorio, hanno saputo lavorare insieme per il bene comune e come il masterplan Smile rappresenti, prima di tutto, una strategia, un piano di lavoro concreto che guiderà le azioni per portare Torino sempre più in una prospettiva europea e confermare la capacità di questo sistema locale di intercettare tutte le opportunità dei finanziamenti europei.

La Commissione Europea, presente con un saluto del Vice direttore della DG Connect e con un intervento della Project Officer del Programma Smart City , ha confermato come Torino sia una eccellenza in Italia per capacità di visione e di programmazione.

Il masterplan Smile ha un grande valore perché indica un percorso flessibile, pronto ad adattarsi ai mutamenti e teso ad offrire un insieme di idee e soluzioni perseguibili e misurabili nel tempo e questo lavoro, realizzato anche grazie al coordinamento tecnico di Torino Wireless, fa sì che Torino sia la prima città in Italia ad affrontare un percorso così partecipato: primato confermato dall'Osservatorio ANCI presente all'evento di venerdì e strategia condivisa con le città di Genova e Milano, con cui Torino ha un accordo di collaborazione per realizzare un patto tra città metropolitane intelligenti.

I prossimi passi prevedono una consultazione pubblica per raccogliere le proposte dei cittadini e verificare se le priorità individuate dai gruppi di lavoro sono coerenti con i bisogni reali. Poi si lavorerà molto sulla piattaforma web di Torino Smart City che sappia integrare tutte le iniziative che fanno di questo territorio un vero laboratorio di innovazione, tecnologica e sociale, a cielo aperto. Infine, si investirà molto sul coinvolgimento di quelli che sono i veri cittadini del futuro, i bambini e i giovani, attraverso progetti nelle scuole: lo spazio di vita dove si impara ad essere cittadini consapevoli. E poi spazio alle 45 IDEE.
 

Per maggiori informazioni: www.torinosmartcity.it



 


Contenuti correlati

Last tweets